No dei PM al patteggiamento richiesto dai vertici dell’ILVA

02/07/2015 di Redazione
No dei PM al patteggiamento richiesto dai vertici dell’ILVA

I PM rifiutano il patteggiamento per i vertici aziendali dell'Ilva, niente sconti di pena per il disastro ambientale.  "A fronte di un danno ambientale le cui spese di risanamento si aggirano intorno ad un miliardo ed ottocento milioni di euro, l'azienda avrebbe proposto la confisca di nove milioni di euro e non è possibile parcellizzare i costi" ha spiegato il sostituto procuratore Raffaele Graziano. L'istanza è stata presentata dall'azienda, durante l'udienza preliminare del procedimento per disastro ambientale. L'Ilva ha proposto una sanzione di oltre 3 milioni di euro, la non applicazione del'interdizione dell'attività e la confisca della somma di quasi 10 milioni di euro. Nello stesso procedimento è indagato per concussione l'ex governatore della Puglia Nichi Vendola il procuratore Franco Sebastio ha definito "ineluttabile" il rinvio a giudizio del leader di Sel e del sindaco di Taranto Ippazio Stefano, accusato di abuso d'ufficio.