Roma, zoning per evitare la prostituzione in zone di grande viabilità

09/07/2015 di Redazione
Roma, zoning per evitare la prostituzione in zone di grande viabilità

A Roma si cerca di combattere il fenomeno della prostituzione istituendo lo "zoning". A spiegare nel dettaglio in cosa consiste è il vicecapo di Gabinetto del sindaco, Rossella Matarazzo, che ha introdotto il nuovo regolamento di polizia urbana che prevede l'interdizione della prostituzione nelle zone di grande viabilità, per mantenere il fenomeno lontano dagli insediamenti abitativi. Per questo esisteranno tre tipi di sanzioni: la più sostanziosa per il cliente tra i 350 e i 400 euro. Multe, però, saranno comminate anche a "chi esercita e a chi semplicemente effettua manovre pericolose in prossimità di situazioni del genere"."I proventi di queste sanzioni dovranno essere utilizzati per progetti di contrasto alla tratta di esseri umani, come quella del progetto 'Roxanne', perché riteniamo che il problema di fondo sia il contrasto dello sfruttamento" ha spiegato la Matarazzo sottolineando che il regolamento di Polizia urbana "esiste già ma era fermo a 68 anni fa. Ma ora ne stiamo parlando perché deve essere condiviso".