Gli Herakut raccontano i profughi attraverso la street art

08/10/2015 di Redazione
Gli Herakut raccontano i profughi attraverso la street art

Arriva a Tor Pignattara il duo Herakut, noto nella scena della street art mondiale per l'attenzione nel sociale e l'impegno con AptART nei campi profughi in Medio Oriente. Il duo gira il mondo raccontando, attraverso le opere murali, la condizione dei profughi provenienti dalle aree disagiate di tutto il mondo. L'opera A Tor Pignattara è stata realizzata nell'ambito del progetto romano Street Heart, promosso dalla Galleria Varsi.Su un muro di uno dei quartieri più multietnici di Roma campeggia ora il ritratto di una bambina palestinese e dei suoi cari. La scritta che accompagna l'opera pone l'accento proprio sul bisogno di legami familiari: "nei nostri momenti di bisogno ci affidiamo alle persone come famiglia. Sarebbe bello se potessimo ricordarci di questi legami anche nei momenti di forza". Una bambina come tante, non connotato da alcun simbolo culturale o religioso: infatti, non porta il tradizionale hijab sul capo, ma è ritratta con il cappuccio di una felpa.

Guarda il video della realizzazione del murales