Processo Mafia Capitale, tutte le prossime tappe

12/11/2015 di Redazione
Processo Mafia Capitale, tutte le prossime tappe

Siamo ad una settimana dall'avvio del processo di Mafia Capitale. Oltre ai 46 imputati tra cui Carminati, Buzzi, Odevaine, Gramazio, Panzironi, ci sono i procedimenti per rito abbreviato concessi a Ozzimo, Caprari, Addeo, Solvi  e il procedimento a carico di Alemanno e per finire la richiesta di patteggiamento avanzata dai dirigenti della cooperativa bianca La Cascina.
Vediamo le tappe. Il 3 novembre sono state inflitte le prime condanne, con rito abbreviato per corruzione e usura. I colpevoli sono Claudio Gaudenzi, Raffaele Bracci, Emanuela Salvatori e Emilio Gammuto per cui è stata riconosciuta anche l'aggravante mafiosa.
Avviato il maxiprocesso il 5 novembre, sono coinvolti quarantasei imputati, sessanta avvocati e le udienze fino a luglio saranno 130. Si svolgeranno tutte le settimane dal lunedi al giovedi. Sono migliaia le intercettazioni e centinai i documenti depositati. La prima udienza si è svolta nell'aula Occorsio della cittadella giudiziaria di piazzale. Per ragioni di sicurezza Massimo Carminati, Salvatore Buzzi, Riccardo Brugia e Fabrizio Franco Testa seguiranno le udienze in videoconferenza dalle carceri di Parma, Tolmezza, Terni e Secondigliano. 
La seconda udienza del processo si terrà il 17 novembre nell'aula bunker di Rebibbia e sarà dedicata all'ammissione delle richieste di costituzione parte civile, presentate il  5 novembre, e anche all'ammissione delle liste di testimoni presentati da accusa e difesa.
Per il 26 novembre è prevista la prima udienza, tutti riti abbreviati, gli imputati saranno Daniele Ozzimo, ex assessore comunale alla Casa della giunta Marino, l'ex consigliere Massimo Caprari (Pd), Gerardo e Tommaso Addeo, collaboratori di Luca Odevaine, e Paolo Solvi, collaboratore dell'ex presidente del X Municipio (Ostia) Andrea Tassone, l'accusa per tutti è di corruzione. La sentenza potrebbe arrivare il 17 dicembre.
Altra tappa importante sarà quella dell'11 dicembre, imputato l'ex Sindaco di Roma Gianni Alemanno. Il gup Nicola di Grazia si pronuncerà sulla richiesta di rinvio a giudizio dei pm. Ricordiamo che Alemanno è accusato di corruzione e finanziamento illecito ai partiti. Sarebbero 125 mila euro i soldi ricevuti da da Salvatore Buzzi e Massimo Carminati attraverso la sua Fondazione Nuova Italia.
Il 21 arriva la decisione del gup Boffi sulla richiesta di patteggiamento concordata dalla procura con i difensori di quattro ex dirigenti della cooperativa "La Cascina". Le accuse nche in questo caso sono di corruzione nei confronti di Luca Odevaine, già appartenente al Tavolo di Coordinamento Nazionale sull'accoglienza per i richiedenti e titolari di protezione internazionale, al fine di ottenere l'appalto per la gestione del Cara di Mineo.   Per tutti a fine ottobre sono stati revocati i domiciliari.