Roma, ritardi nei cantieri a un mese dall’avvio del Giubileo

12/11/2015 di Redazione
Roma, ritardi nei cantieri a un mese dall’avvio del Giubileo

Questa che sta per terminare è stata una settimana decisiva per la preparazione dell'Anno Santo. Ad appena un mese dall'apertura del Giubileo previsto per  l'8 Dicembre, Il commissario Tronca ha incontrato lunedì i sei sub-commissari a Palazzo Senatorio per discutere riguardo i nodi sui cantieri Giubilari. 28 gli interventi ritenuti fattibili per sostenibilità economica e tempi. Ben distanti dal piano cantieri approvato dall'ex sindaco Ignazio Marino che, nel mese di Agosto, aveva messo sul tavolo di discussione un centinaio di interventi per la città di Roma. Manutenzione stradale, viabilità, cura del verde e accoglienza ai pellegrini sono i punti focali sui quali sta lavorando la macchina organizzativa del Comune. Allo stato attuale potrebbe essere allarmante considerare che l'unico intervento già avviato e completato è il rifacimento del manto stradale delle vie adiacenti alla stazione Termini. Nella giornata di martedì  si è dato l'avvio ad altri due cantieri: Piazzale Ostiense, Piazza di Porta San Paolo, viale delle Mura Latine e Viale di Porta Ardeatina. Si attende ora il decreto di stanziamento di risorse economiche, pari a 300 milioni, e l'insediamento di ciò che Renzi ha battezzato "Dream team", il gruppo nominato a supporto del prefetto Gabrielli previsto per la giornata di venerdì. Intanto, tra i cantieri di prossima apertura ci sarebbe, con le dovute riserve del caso, la riqualificazione della zona intorno a S.Pietro, Lungotevere,  Tratto di Appia Antica, l'attivazione dei bagni pubblici, la creazione di percorsi pedonali giubilari, gli interventi intorno alle aree verdi basilicali. Tutti cantieri che, almeno sulla carta, prevedono tempistiche tra i 2 e i 4 mesi. Il ritardo degli interventi a Roma è solo uno tra gli aspetti analoghi all'esperienza appena conclusa dell'Expo di Milano. Anche sul piano sicurezza della città si è scelta la strada, precedentemente battuta durante l 'esposizione universale, che prevede assunzioni pari a 2.500 unità di forze di Polizia, impiegabili dopo un adeguato corso di formazione specifico per l'evento, l'assegnazione di 640 assistenti capo della polizia agli uffici operanti nell'area della capitale cui si aggiungono un contingente di 388 uomini dell'Arma dei Carabinieri e 169 della Guardia di Finanza. In tutto 1.197 unità