Incontro su “Autoproduzioni e reti solidali per uscire dalla crisi”

17/12/2015 di Redazione
Incontro su “Autoproduzioni e reti solidali per uscire dalla crisi”

Giovedì 17 dicembre sarà inaugurata a Communia Roma - spazio di mutuo soccorso- la sartoria autogestita Karalò, nata dalla condivisione con migranti e operatori sociali delle lotte per l'accoglienza a Roma  e il punto Fuori Mercato, nato per distribuire prodotti a sfruttamento zero degli operai della fabbrica recuperata Rimaflow, dei migranti di Sos Rosarno e di Sfruttazero di Puglia e Basilicata e dei contadini della Fattoria senza padrone di Mondeggi a Firenze. Nasce un punto Fuori Mercato perché "costruire una logistica indipendente fuori mercato e autogestita, che permetta di raggiungere tutti con i prodotti di chi ha scelto di lottare e non chiudere gli occhi davanti alle multinazionali che attraverso le mafie schiavizzano chi lavora la terra, italiani e migranti da tutto il mondo (…) Un circuito di comunità e soggettività che, riposizionando al centro il valore delle relazioni sociali, siano capaci di ri-orientare gli stili di vita dei cittadini metropolitani, creando una nuova economia di relazioni che abbia la forza di liberare il maggior numero possibile di consumatori dal sistema di produzione agroalimentare e della grande distribuzione ". Un punto di distribuzione alternativa, non per costruire isole felici né semplici cooperative, ma una rete di mutuo soccorso tra esperienze conflittuali, incentrate sulla solidarietà reciproca e sulle battaglie comuni, sul modello delle fabbriche recuperate argentine. Interverrà al dibattito anche Martin Cossarini, della fabbrica recuperata Chilavert di Buenos Aires.  In concomitanza al dibattito in cui interverranno diverse realtà e Gas territoriali, ci sarà un mercatino delle autoproduzioni in cui troverete anche lo stand di FOCUS- Casa dei Diritti Sociali. Potrete sottoscrivere il nostro calendario Nino 2016, a sostegno del progetto volto a garantire il diritto allo studio per studenti italiani e migranti in difficoltà e acquistare la nostra Shopper, ideale per un regalo di Natale solidale e sostenibile! Nella Shopper troverete:  - un fischietto in terracotta realizzato a mano da Mastro K. Tonio, che ha appreso le tecniche di realizzazione dei fischietti direttamente da uno degli ultimi anziani artigiani ancora in attività. - L'olio di Argan della Cooperativa Spinosa di Aglou (Marocco), nata nel 2013 e composta oggi da una trentina di donne del comune rurale di Aglou, in provincia di Tiznit, al bordo meridionale della foresta spontanea di argan. Un'esperienza di successo, dovuto alla saldatura tra obiettivi ambientali, sociali ed economici e fondato sul protagonismo delle donne rurali, da sempre detentrici dei saperi legati alla sua produzione e utilizzo. - Confettura di castagne, prodotto artigianale proposto e confezionato dalla Cooperativa Sociale "Anima re" con sede operativa nel Comune di Futani (SA), ubicato nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni.  - Tris di Natale - Roccocò Mostaccioli e Biscotti al burro Biscottificio Lilià. Lilià è il biscottificio artigianale che utilizza solo prodotti locali. L'olio è quello di Ravece delle colline dell'Irpinia, gli ingredienti sono tutti di qualità e la passione è quella che si tramanda da sempre da generazione in generazione. Legumi bio (lenticchie e ceci) confezioni da 500 grammi della "Tenuta i Cantalupi" Bevagna, PG. Prodotti coltivati secondo i principi dell'agricoltura biologica con garanzia AIAB.
A seguire apericena a sostegno della Rete Solidale Core di Nettuno. Mostra fotografica sui MONDIALI ANTIRAZZISTI a cura della Carovana de Core verso i Mondiali Antirazzisti