Expo, puniti i soldati che denunciarono le condizioni della base allagata. “Violati integrità morale e spirito di Corpo

24/03/2016 di Redazione
Expo, puniti i soldati che denunciarono le condizioni della base allagata. “Violati integrità morale e spirito di Corpo

Brutto colpo per lo Stato Maggiore dell'Esercito dopo che, nel Maggio 2015, tre soldati denunciarono attraverso la pubblicazione sui social network la condizione delle tende nella quale alloggiavano a protezione dell'Esposizione Universale a Milano. Circa 2400 i militari chiamati per l'evento, tra loro 250 alpini dell'Ottavo reggimento di Cividale del Friuli (Udine) che vengono alloggiati all'interno di tendopoli predisposte per accoglierli. Gli alpini da subito rendono note le cattive condizioni del campo di Bellinzago attraverso l'intervista rilasciata al giornale Libero nella quale  si parla delle temperature cocenti all'interno delle tende durante il giorno e l'assenza di riparo dal freddo della notte. Ad aggravare la condizione giunge, una settimana dopo il loro arrivo, anche il maltempo. Le immagini fotografiche pubblicate dai siti di informazione fanno il giro del mondo e rimandano immediatamente ad uno scenario noto per ben altri fatti: tende collassate, fango ed infiltrazioni d'acqua. Seguono interrogazioni parlamentari, indignazione generale e azioni legali da parte dell'avvocato Leonardo Bitti ai danni dell'Esercito per la richiesta di risarcimento danni. Ad oggi, dieci mesi dopo nessun risarcimento è ancora stato concesso intanto però sono stati sanzionati due alpini ed un guastatore della Folgore per "condotta contraria ai principi dell'etica  e della disciplina militare", ritenuti responsabili della pubblicazione delle foto incriminate.