Referendum abrogativo Trivelle: Come votare per i fuori sede?

17/03/2016 di Redazione
Referendum abrogativo Trivelle: Come votare per i fuori sede?

Domenica 17 aprile si aprono le urne per la consultazione popolare in merito alle trivellazioni in mare, in particolare sulla durata dei permessi di prospezione ed estrazione petrolifera. In sostanza, votando "Sì" si otterrà la cancellazione della norma che consente alle società petrolifere di continuare le operazioni fino ad esaurimento del giacimento, senza il vincolo del limite di tempo (art. 6 l'art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, "Norme in materia ambientale"). Hanno diritto al voto tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto la maggiore età e gli italiani residenti all'estero, secondo le normali procedure di voto. Per i lavoratori e gli studenti fuori sede? E' possibile esercitare il proprio diritto richiedendo di diventare rappresentanti del comitato promotore del quesito referendario presso i seggi. Si dovrà quindi procedere con la richiesta della delega compilando il modulo messo a disposizione da alcune associazioni di studenti, IL collettivo Studenti per l'Ambiente e l'Unione degli Universitari (UDU), accessibile attraverso il web. I moduli sono destinati a tutti gli aventi diritto in mobilità e non ad uso esclusivo di chi ricopre il ruolo di studente. In Italia non esiste alcuna legge per gli elettori in mobilità e le spese del rientro per chi lavora o studia in altri comuni e vorrebbe esercitare il voto sono totalmente a carico del soggetto. In ultimo, per gli italiani che non sono residenti all'estero ma che si trovano per più di tre mesi in altro paese (causa studio, lavoro o cure mediche) è previsto invece il voto per corrispondenza presso i consolati italiani previa comunicazione al Comune d' iscrizione.

Qui è possibile scaricare i moduli per la richiesta della delega
Link 1
Link 2