Italia, Piano Nazionale d’Azione contro il fenomeno di tratta di esseri umani

07/04/2016 di Redazione
Italia, Piano Nazionale d’Azione contro il fenomeno di tratta di esseri umani

L'Italia ha finalmente un Piano Nazionale d'Azione contro la tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani. Uno strumento di prevenzione volto a contrastare il fenomeno della tratta e dello sfruttamento di esseri umani e a proteggere le vittime, spesso minori, donne e uomini stranieri.  La tratta di esseri umani da fenomeno autonomo e distinto rispetto ai movimenti migratori è divenuto elemento quasi inscindibile dei flussi tanto da divenire una delle questioni più scottanti e difficili del ventunesimo secolo, parte dell'agenda politica di molte istituzioni e governi europei. Numerose iniziative contro la tratta sono proliferate attraverso l'Europa e significativi passi in avanti sono stati fatti finora al fine di assicurare la protezione delle persone trafficate e l'efficace perseguimento delle organizzazioni criminali che traggono profitto da una delle più gravi violazioni dei diritti fondamentali dell'individuo ma l'assenza di un sistema strutturato di procedure operative standard efficaci ha reso difficile garantire un buon grado di sostenibilità del sistema anti-tratta nel suo insieme. L'associazione per gli Studi Giuridici sull'immigrazione (Asgi) ha segnalato sul sito Stranieriinitalia.it alcuni dei contenuti più rilevanti: il primo è la formazione multidisciplinare prevista per le figure che si trovano in contatto con persone vittime di tratta come orze dell'ordine, polizia di frontiera, operatori dei diversi centri di accoglienza, magistrati, operatori legali.
Il secondo punto è quello che riguarda le procedure per  l'identificazione delle potenziali vittime nei diversi contesti in cui questo fenomeno si verifica mentre il terzo è l'introduzione di un National Referral  Mechanism volto a realizzare un sistema di cooperazione tramite cui gli attori statali adempiono ai propri obblighi per proteggere e promuovere i diritti umani delle vittime di tratta, in coordinamento con la società civile; L'Italia attualmente non è provvista di questo strumento. Nel piano compare inoltre la voce sull'aggiornamento delle misure di accoglienza e  tutele specifiche per i minori.

Leggi il testo