Premio Napoli Città di Pace: la lettera del vescovo di Caserta

05/05/2016 di Redazione
Premio Napoli Città di Pace: la lettera del vescovo di Caserta

Il 13 Aprile è stata conferito il premio Napoli Città di Pace alla ministra della Difesa Roberta Pinotti da parte dell'Unione Cattolica Stampa Italiana. Premio che ha dato il via a numerose critiche per il ruolo strategico che la Ministra sembra ricoprire all'interno degli attuali conflitti mondiali in Iraq, Serbia, Siria.
Tanti i civili uccisi, ospedali che diventano bersaglio di bombe intelligenti e finanziamenti con armi e aerei per la guerra. Di seguito la lettera sottoscritta  dal vescovo di Caserta Raffaele Nogaro, lo storico della Chiesa Sergio Tanzarella, il missionario comboniano Alex Zanotelli, l'ex senatore e attivista per la pace Francesco de Notaris e Francesco La Saponara, ex deputato e docente universitario.

Un premio che offende i morti. Vergogna! 

Dobbiamo con profondo rammarico denunciare che la capacità mimetica della guerra e la giustificazione della violenza si accrescono in modo inatteso nella generale indifferenza con un uso e un abuso della parola pace. Ne è stata dolorosa prova l'attribuzione il 13 aprile 2016 del premio Napoli Città di Pace all'attuale ministra della Difesa Roberta Pinotti da parte dell'Unione Cattolica Stampa Italiana. Le motivazioni del premio a lei dato costituiscono una offesa all'intelligenza e sono un monumento alla mistificazione: i notevoli primati del suo ruolo strategico e riformatore in materia di difesa nazionale e internazionale, declinati al femminile in piena coerenza con un impegno al servizio della politica come forma più alta d'amore, che, mette sempre al centro a tutela e la dignità della vita umana». Ci chiediamo da quando i ministri della Difesa si occupano della tutela e della dignità umana e non invece dell'organizzazione e realizzazione della guerra sebbene sotto la denominazione edulcorata e rassicurante di missione di pace e operazione di polizia internazionale? Le guerre in Iraq, i bombardamenti della Serbia e della Libia, la guerra in Afghanistan sono le azioni scellerate che i governi italiani e i ministri della Difesa hanno promosso riuscendo sia ad aggirare l'articolo 11 della Costituzione, sia a fare ulteriormente ingrassare i fabbricanti di armi complici dei Parlamenti fatti da maggioranze di alza paletta che rinnovano esorbitanti finanziamenti per sistemi d'arma, bombe, missili, aerei e navi da guerra tanto da non avere più denaro per curare i malati, istruire i giovani, sconfiggere le marginalità sociali. La stessa ministra Pinotti, sempre pronta a mettere a disposizione soldati italiani per tutte le guerre del pianeta, ha intuito il paradosso della concessione del premio e, prevedendo critiche ha affermato: «Potrebbe sembrare paradossale premiare un ministro che si occupa di Difesa e Forze armate con un premio per la pace, ma si è capito che non è affatto paradossale perché le nostre Forze armate operano proprio per garantire la sicurezza dei cittadini, la stabilità delle Istituzioni e lavorano quotidianamente per riportare la pace». Sarebbe istruttivo per tutti che a queste affermazioni potessero replicare i civili uccisi dalle bombe italiane, i morti iracheni uccisi a causa della fantomatica arma letale per cui venne combattuta - anche da parte degli italiani - quella guerra. E soprattutto dovrebbero parlare le centinaia di militari italiani morti e le migliaia di ammalati di cancro a causa dell'uranio impoverito alle cui polveri furono esposti senza alcuna protezione. Gli orfani e le vedove di quei militari, cui sono negate anche forme di assistenza, meriterebbero di non essere offese da questo premio. È certo molto inquietante e moralmente grave che il premio sia stato promosso e attribuito dall'Unione Cattolica Stampa Italiana Campania nella persona del suo presidente regionale Giuseppe Blasi e della vicepresidente nazionale Donatella Trotta con la partecipazione dell'assistente spirituale dell'Unione, il salesiano Tonino Palmese. L'Unione Cattolica Stampa Italiana ha commesso un grave errore che noi qui denunciamo. A chi il prossimo premio per la pace? A Finmeccanica? È evidente che l'Unione non presta attenzione alle parole che papa Francesco ha pronunciato, ripetutamente in questi tre anni, contro i fabbricanti di armi e i loro mediatori e clienti. Armi che sono realizzate con il solo scopo di uccidere, per essere utilizzate in questa terza guerra mondiale a puntante nella quale i ministri della Difesa italiani hanno avuto e hanno un ruolo non di comparse, ma di protagonisti premiati in nome della "pace". Ma questo non è un paradosso, è soltanto vergognoso.