Rapporto Ispra: aumenta l'inquinamento delle acque italiane

12/05/2016 di Redazione
Rapporto Ispra: aumenta l'inquinamento delle acque italiane

Secondo il Rapporto Pesticidi nelle acque italiane dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), frutto dei risultati forniti dalle agenzie regionali per la protezione dell'ambiente, un campione superficiale di acqua su cinque risulta essere contaminato e supera il livello di qualità ambientale. Fiumi, Laghi e torrenti italiani contengono pesticidi (64% dei 1284 siti analizzati) mentre le acque sotterrane vedono un aumento dell'1% rispetto ai dati del 2012 (32% dei 2.463 punti studiati). La zona dove si concentra il tasso di inquinamento rimane quella della Pianura Padano-Veneta con una forte percentuale di glifosato, elemento dichiarato probabilmente cancerogeno dall'Oms nel marzo dello scorso anno. Il mancato controllo su alcune regioni, specie del centro-sud Italia, ci fornisce una disomogenea visione del fenomeno inquinante nell'intera penisola.
Leggi il Rapporto