Al Parlamento israeliano passa la legge che permette l’espulsione dei legislatori

21/07/2016 di Redazione
Al Parlamento israeliano passa la legge che permette l’espulsione dei legislatori

Un disegno di legge, convertito in legge nella notte di Martedì 19 luglio e caldeggiato dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, permetterebbe al parlamento di Israele di votare la sospensione dei membri  il cui comportamento risulta "inadeguato" . Sotto disposizioni della legge , la Knesset ora può espellere un membro per " incitamento al razzismo e il sostegno della lotta armata contro lo Stato di Israele" attraverso il voto favorevole di una maggioranza di 90 parlamentari su i 120  della Knesset. Il  disegno di legge è un estensione al regolamento parlamentare esistente in base al quale tra le cause di sospensione si comprende "incitamento alla violenza o al razzismo , il supporto per un conflitto armato o di un gruppo terroristico contro Israele , e si oppone Israele come stato ebraico e democratico ."
La legge è stata da subito duramente criticata da chi sostiene che servirà solo a mettere a tacere i deputati d'origine araba. I Parlamentari palestinesi vedono la legge come una minaccia. Yousef Jabarin, della lista comune, ha detto che la legge pone in modo efficace parlamentari palestinesi " in prova ", ha riferito Haaretz . Ha poi aggiunto : "Si tratta di una normativa di apartheid". Da tempo il lavoro dei parlamentari palestinesi sono sotto attacco dalla Knesset e, negli ultimi mesi, la situazione sta peggiorando.
Nel mese di giugno , Hanin Zoabi (lista comune), è stato scortato fuori da una riunione parlamentare dopo la richiesta indirizzata a parlamentari ed esercito di scuse ufficiali per l'uccisione di 10 attivisti in un raid 2010 su una imbarcazione umanitaria turca diretto verso Gaza . I media israeliani hanno accusato il parlamentare di aver deferito i soldati coinvolti nel raid come " assassini" . Il comitato etico della Knesset è stato successivamente convocato ai primi di luglio per analizzare la sospensione Zoabi per un tempo di sei mesi.
Al momento ciò che si conosce è che la nuova legge non avrà un effetto retroattivo, vale a dire che i tre parlamentari palestinesi-  Zoabi , Jamal Zahalkah , e Bassil Ghattas della fazione Balad in lista comune-  non sarebbero soggetti ad esso.