Roma, comunità bengalese in solidarietà a Dacca contro il terrorismo

07/07/2016 di Redazione
Roma, comunità bengalese in solidarietà a Dacca contro il terrorismo

La comunità bengalese è molto scossa dopo l'attentato di Dacca, in Bangladesh, dove hanno perso la vita anche 9 cittadini italiani. In questi giorni a piazza Vittorio Emanuele II a Roma, diverse le manifestazioni di solidarietà. Uno striscione contro il terrorismo è stato aperto mercoledì mattina, in occasione della festa per la fine del periodo del Ramadan. E giovedì 7 luglio la comunità è tornata nella piazza per mostrare la solidarietà alle vittime del terrorismo.
Una manifestazione che secondo le parole di Batchu, il portavoce della comunità, deve servire a ribadire che l'Isis e il terrorismo di matrice islamica non ha nulla a che vedere con la religione.
La comunità bengalese di Roma è un modesto esercito di piccoli imprenditori in continua espansione: secondo l'Osservatorio romano sulle migrazioni del centro studi Idos, i cittadini del Bangladesh che abitano e lavorano nella capitale sono 28.473. "Ma ormai saremo quasi 36 mila, il 92 per cento di fede islamica", spiega Bachcu, il portavoce di Dhuumcatu. Con i suoi 10 mila iscritti, l'associazione rappresenta quasi un terzo della popolazione bengalese romana.