Caos trasporti a Roma, pendolari infuriati. Botta e risposta ex-dirigenza Atac – 5 stelle

22/09/2016 di Redazione
Caos trasporti a Roma, pendolari infuriati. Botta e risposta ex-dirigenza Atac – 5 stelle

Un lunedì mattina bloccati nei trasporti. Ricomincia la routine di ritardi, banchine affollatissime e treni e bus stracarichi. Ma soprattutto, ed è questo che più fa infuriare i viaggiatori, la mancanza di informazioni tempestive. Il tutto nell'ora di punta del lunedì mattina. 
La Roma-Lido è rimasta fuori uso per un treno fermo per venti minuti alla stazione Ostia Antica. Mentre diversi treni sono stati cancellati sulla Roma-Viterbo. In tilt anche la Metro C, linea nuova di zecca ma i cui treni a quanto pare hanno già registrato numerosi guasti. Ferma anche la linea ferroviaria Fiumicino-Fara Sabina (FL1), oltre alle moltissime linee bus impossibilitate ad effettuare il servizio a causa di "indisponibilità vetture". 
Le denunce dei passeggeri sui social non si fanno aspettare, attraverso ad esempio il blog "Odissea Quotidiana", che raccoglie i racconti di quei romani che invece di restare imbottigliati nel traffico si ritrovano stipati quotidianamente nei treni, tram e bus che - molto lentamente - attraversano la capitale.
Dal lato istituzionale, l'assessore Linda Meleo la settimana scorsa aveva cercato la comprensione dei cittadini: "Abbiamo ereditato una situazione complicata. I cittadini sanno quale è lo stato in cui versa il trasporto pubblico attuale e quindi quello che possiamo dire è di cercare di tenere duro, noi cercheremo di migliorare il servizio di settimana in settimana, per riportare il servizio ai livelli programmati. Questo è l'impegno che posso prendere". Mentre, dopo il "blitz" congiunto Meleo-Stefàno (presidente della commissione trasporti in Campidoglio) al deposito Atac di Portonaccio, dall'amministrazione 5 stelle fanno sapere che "un bus su tre è fermo", attaccando l'ex dirigenza Rettighieri-Brandolese. 
«Abbiamo sbloccato il contratto di leasing, in stand-by da mesi e mesi, per i nuovi 150 bus. A novembre arriveranno i primi 40 mentre entro marzo contiamo di averli tutti in circolazione per le strade della Capitale», fa sapere l'assessore Meleo. Mentre la risposta della vecchia guardia Atac non si fa attendere. Rettighieri e Brandolese dichiarano che "L'acquisto dei nuovi bus è arrivato grazie al nostro lavoro e lo stallo è stato sbloccato con le nostre forze».