L’assessore Berdini cacciato? Giallo nella giunta Raggi

07/12/2016 di Redazione
L’assessore Berdini cacciato? Giallo nella giunta Raggi

Giallo sull'eventualità che un'altra poltrona salti nella giunta di Virginia Raggi. Questa volta sarebbe l'assessore Paolo Berdini a perdere il posto, secondo una serie di indiscrezioni riportate dall'agenzia Adnkronos martedì mattina. Nessuna conferma però né dalla giunta né dal diretto interessato.
Secondo l'agenzia stampa la decisione di ritirare la delega all'urbanista sarebbe stata presa durante una riunione fra la sindaca e i più stretti collaboratori tenutasi lunedì sera. Che Paolo Berdini non piaccia a tutti all'interno del Movimento non è una novità. Figura indipendente, in passato legato a Rifondazione, nemico giurato della speculazione e dei palazzinari, Berdini non si è mai fatto problemi finora ad esprimere posizioni diverse rispetto al resto della giunta. Come ad esempio sulle Olimpiadi - che, in controtendenza, ha deciso all'ultimo di sostenere nel caso vengano "fatte per la città", nonostante la sua storica opposizione espressa in diversi scritti sulla città - o sulla vicenda dello Stadio dell'A.s. Roma e delle Torri dell'Eur.
Se queste tensioni abbiano veramente messo a repentaglio il rapporto fra l'assessore e il team pentastellato resta ancora da vedere, visto che tutte le figure interpellate hanno negato di essere a conoscenza della vicenda. "Che c'è malcontento è risaputo. Di riunioni non ne so nulla" le parole del presidente della commissione capitolina Sport Angelo Diario interpellato da Askanews. "Non so di nessuna riunione, nel caso io non c'ero", dichiara il presidente della commissione Mobilità Enrico Stefàno. "Non mi risulta nulla del genere" ha aggiunto il capogruppo M5S Paolo Ferrara. "La notizia è infondata, parola dello stesso assessore Berdini", sottolinea il presidente della commissione Bilancio Marco Terranova". Mentre la sindaca non ha ancora lasciato trapelare niente.
Sulla questione dell'urbanistica anche la base del Movimento sembrerebbe scontenta dato che finora le linee programmatiche del M5S non sono state messe in campo. L'accusato però non sarebbe Berdini ma la presidente della commissione urbanistica Donatella Iorio, che, a quanto pare, non avrebbe elaborato quelle linee di indirizzo necessarie a guidare l'operato dell'assessorato nella realizzazione del programma e che non si sarebbe confrontata abbastanza con la base, come riporta Roma Today