8 miliardari possiedono quanto 3,6 mld di persone

19/01/2017 di Redazione
8 miliardari possiedono quanto 3,6 mld di persone

Gli 8 uomini più ricchi del mondo valgono quanto la metà più povera del globo. A dirlo è il nuovo rapporto di Oxfam sulla disuguaglianza, diffuso alla vigilia del Forum economico di Davos. 3,6 miliardi di persone per assommare le ricchezze di otto "paperoni". La ong britannica lancia l'allarme: la ricchezza accumulata da una piccola minoranza di super ricchi (il famoso 1%) sta crescendo senza limiti tanto che tra 25 anni sarà possibile conoscere il primo "trillionario" che sbancherà il lunario con un conto superiore ai 1.000 miliardi di dollari.
In Italia, ad esempio, la forbice tra ricchi e poveri è molto ampia, con l'1% dei "facoltosi" che possiede un quarto della ricchezza nazionale. "I dati dicono che multinazionali e super ricchi continuano ad alimentare la disuguaglianza, facendo ricorso a pratiche di elusione fiscale, massimizzando i profitti anche a costo di comprimere verso il basso i salari e usando il loro potere per influenzare la politica. È necessario un profondo ripensamento - secondo Oxfam - dell'attuale sistema economico che fin qui ha funzionato a beneficio di pochi fortunati e non della stragrande maggioranza della popolazione mondiale".
Per questo Oxfam ha lanciato una petizione per chiedere un intervento dei governi per un'economia umana in occasione dell'appuntamento di Davos del World economic forum, dove i potenti della Terra discuteranno intorno al tema della "leadership responsabile".
"I governi hanno tutti i mezzi per far fronte ai cambiamenti tecnologici e alle forze di mercato. Se i politici smettessero di considerare il PIL come unico indicatore di benessere e si impegnassero a migliorare le condizioni di vita di tutti i cittadini, contrastando l'estrema disuguaglianza, avremmo un futuro degno di questo nome - aggiunge Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia - Non si può più tollerare che milioni di persone siano lasciate indietro da questo sistema economico iniquo. - ha concluso Barbieri - È per questo che Oxfam propone un nuovo approccio, capace di generare benefici per tutti e non solo per pochissimi fortunati. A livello globale, e anche nel nostro paese".
Infatti l'ong britannica invita tutti i cittadini del Pianeta Terra a pretendere dai Governi e dai leader politici un sistema di tassazione più progressivo, con cui pagare una quota proporzionale di tasse per redditi e ricchezze, politiche occupazioni che garantiscano ai lavoratori un salario dignitoso, un welfare state che tuteli i diritti dei lavoratori a tutto tondo, servizi pubblici di qualità in ambito educativo e sanitario accessibili a tutti. Quindi uno sviluppo economico che rispetti i limiti naturali del nostro pianeta in sinergia con i bisogni e le necessità del 99% della popolazione mondiale.