Ventimiglia, denunciati per aver dato cibo ai migranti. Gonnella: è il capovolgimento di ogni logica

30/03/2017 di Redazione
Ventimiglia, denunciati per aver dato cibo ai migranti. Gonnella: è il capovolgimento di ogni logica

Lo scorso 20 marzo tre ragazzi francesi sono stati denunciati a Ventimiglia perché hanno contravvenuto a un'ordinanza del sindaco del Pd Enrico Ioculano. Nella denuncia si leggono testualmente, aggiunte a mano nell'apposito spazio del foglio prestampato, le motivazioni della denuncia: "Per aver somministrato senza autorizzazione cibo ai migranti".

L'ordinanza del sindaco vietava di dar da mangiare ai migranti. I ragazzi hanno regalato loro alcuni panini. L'inottemperanza ad un'ordinanza sindacale è un reato. E dunque adesso i tre si trovano indagati a piede libero. Non c'è nulla di democratico nel punire chi offre un panino ai poveri. E non c'è nulla di umano.

Riportiamo il Comunicato Stampa dell'associazione Antigone in merito all'accaduto:

Roma, 24 marzo 2017

Sarebbero almeno tre (tutte francesi) le persone denunciate dalla Polizia di Stato per aver "somministrato senza autorizzazione cibo ai migranti, art. 650 c.p., contravvenendo ad un'ordinanza del Sindaco di Ventimiglia".  

Il fatto è avvenuto lo scorso 20 marzo nella città ligure ed è stato segnalato oggi ad Antigone.

"Siamo di fronte al capovolgimento di ogni logica. Utilizzare il diritto per colpire e punire episodi di solidarietà non può avere e trovare alcuna giustificazione". A dichiararlo è Patrizio Gonnella (presidente di Antigone e della Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili).  

A quanto abbiamo appreso i ragazzi sarebbero arrivati a Ventimiglia con una macchina carica di generi alimentari e avrebbero iniziato a distribuirli ai migranti presenti alla frontiera con la Francia.  Dopo pochi minuti la polizia li avrebbe interrotti e condotti in caserma per identificarli, schedarli e denunciarli.  Almeno uno di loro non avrebbe firmato la denuncia poiché nessuno era in grado di tradurre il documento e i contenuti dello stesso in francese.