Emergenza Libia! MSF: "Inside Libya's Migrant Detention Centers"

19/10/2017 di Redazione
Emergenza Libia! MSF: "Inside Libya's Migrant Detention Centers"

Medici Senza Frontiere ha recentemente pubblicato una serie di testimonianze dalla Libia a dir poco sconvolgenti. Le condizioni dei migranti rinchiusi nei centri di detenzione nei pressi di Tripoli sono di una gravità inaudita; i diritti umani sono un miraggio quasi sfocato per i rifugiati detenuti dalle autorità libiche.

Proponiamo un estratto, da noi tradotto, del fotoreportage  "Inside Libya's Migrant Detention Centers", realizzato da MSF in collaborazione con il fotografo e attivista francese Guillaume Binet, autore di questi più unici che rari scatti fotografici, veri e propri squarci nella realtà così come ci viene presentata normalmente dai canali di comunicazione ufficiali e dalle istituzioni.

"Per oltre un anno, Medici senza frontiere ha fornito assistenza medica ai rifugiati, richiedenti di asilo e migranti trattenuti all'interno dei centri di detenzione di Tripoli in condizioni disumane prive di dignità.

I detenuti sono privati di ogni dignità umana, subiscono maltrattamenti e non hanno accesso all'assistenza medica. La detenzione sta infliggendo inutili sofferenze. È causa diretta di gran parte dei problemi fisici e mentali per i quali i detenuti necessitano assistenza medica. Queste persone sono trattenute deliberatamente senza alcuna possibilità di opporsi legalmente al loro stato di detenzione, virtualmente estromessi dai servizi consolari e dal mondo esterno.

Svincolato dalla legge il sistema detentivo in Libia è dannoso e oppressivo. Sussiste un inquietante mancanza di controllo e regolamentazione. Senza alcun sistema di registrazione formale o un appropriata rendicontazione in loco, una volta che le persone sono dentro al centro di detenzione non c'è alcuna possibilità di tracciare quel che gli capita. Alcune persone sono trattenute per prolungati periodi di tempo; altre vengono trasferite in altri centri di detenzione, spostate in locations sconosciute o spariscono nel corso della notte."

Medici Senza Frontiere chiede con forza che cessi la detenzione arbitraria dei rifugiati, dei richiedenti asilo e dei migranti in Libia."

Come già documentato in un articolo precedente, la presidentessa di MS, Joanne Liu, ha pubblicamente condannato le politiche europee in materia di immigrazione - e i rispettivi rappresentanti politici - in quanto alimentatrici di questo inaccettabile sistema di respingimento, fatto di abusi e di violenze disumane.

Link all'intervento pubblico di Joanne Liu: https://www.youtube.com/watch?time_continue=3&v=1o9w2Xe7tEc

Link al fotoreportage realizzato MSF e Guillaume Binet "Inside Libya's Migrant Detention Centers": http://www.doctorswithoutborders.org/article/inside-libyas-migrant-detention-centers

Link al documento pubblicato da MSF "Libya Must End Arbitrary Detention of Refugees, Asylum-Seekers, and Migrants":

  http://www.doctorswithoutborders.org/article/libya-must-end-arbitrary-detention-refugees-asylum-seekers-and-migrants