L'acqua del Lazio sarà di nuovo pubblica?

15/02/2013 di Redazione
L'acqua del Lazio sarà di nuovo pubblica?

Il Coordinamento Regionale Acqua Pubblica incontra le candidate ed i candidati alla Regione Lazio. Per sapere che faranno per il rispetto della volontà popolare espressa con il voto referendario del 12 e 13 giugno 2011 contro la privatizzazione dei servizi pubblici locali e per una gestione pubblica e partecipata del servizio idrico, al di fuori di ogni profitto.
Per conoscere quale impegno prenderanno per:
approvare la proposta di legge "Tutela, governo e gestione pubblica delle acque" presentata da 39 amministrazioni locali con il sostegno di oltre 37.000 firme di elettori della Regione. Un passaggio obbligato che il nuovo Consiglio regiponale dovrà affronatre entro un anno dal suo insediamento o si andrà a referendum propositivo.
fare in modo che non vengano applicate nuove tariffe che contegano, anche sotto mentite spoglie, la remunerazione di capitale affinché sia definitivamente eliminata dalle bollette la quota destinata al profitto dei gestori.
promuovere con i cittadini tutti gli interventi necessari per l'immediata e duratura soluzione della contaminazione delle acque potabili di molti comuni della Regione, in particolare a causa della concentrazione di arsenico, floruri e vanadio, richiamando gli enti gestori all'assunzione delle proprie responsabilità.
promuovere con i cittadini i processi di ripubblicizzazione del servizio idrico e di riconsiderazione del ruolo degli enti pubblici locali nel processo di gestione, oltre che di controllo, sull'intero ciclo dell'acqua, anche per quegli usi privatistici per scopi non idropotabili, che antepongono il profitto a scapito della salute umana e degli equilibri ambientali.
sostenere concretamente la partecipazione dei cittadini alla decisioni riguardanti la gestione del servizio idrico integrato secondo i criteri della trasparenza, dell'accesso alle informazioni ambientali, della diffusione delle conoscenze e del confronto con le istituzioni.
Venerdì 15 febbraio 2013 ore 18 con aperitivo a buffet presso salone della Comunità cristiana di base di San Paolo - via Ostiense n. 152/B, Roma