Sanità, immigrazione, solidarietà e cooperazione internazionale

26/10/2013 di Redazione
 Sanità, immigrazione, solidarietà  e cooperazione internazionale

Uniti per Unire, associazioni e comunità aderenti, Asl Rm F, invitano al convegno internazionale "Sanità ,Immigrazione,Solidarietà e cooperazione internazionale " che si terrà il 26 ottobre presso la sede del Comune di Civitavecchia, inoltre parteciperanno i Sindaci di Civitavecchia e di Baka Al Karbia per presentare il Gemellaggio tra le due città. Il tempestivo accesso degli immigrati ai servizi sanitari essenziali e' anche un prerequisito per proteggere la salute della popolazione dei Paesi ospitanti. Allo stesso tempo, assistere i Paesi in conflitto ad aumentare progressivamente la capacità dei sistemi sanitari nazionali, anche attraverso un maggiore sostegno economico e la formazione del personale sanitario, e' stato considerato un passo fondamentale per garantire l'accesso alle cure sanitarie sia nei Paesi di origine che di transito. Viene dunque evidenziata la necessità di rafforzare la preparazione e la capacità di risposta dei sistemi sanitari tanto nei Paesi di origine quanto in quelli di accoglienza, e di rafforzare la cooperazione internazionale, alla luce dell'aumento dei movimenti di popolazioni sia in relazione alla crisi attuale nel Mediterraneo, sia nel caso emergano nuovi scenari, non prevedibili al momento. Tutti i migranti, indipendentemente dal loro status giuridico, dovrebbero ricevere un tempestivo accesso ai servizi sanitari essenziali; questo è anche un prerequisito per proteggere la salute della popolazione dei Paesi ospitanti. Così come è di fondamentale importanza assistere i Paesi in conflitto ad aumentare progressivamente la capacità dei sistemi sanitari nazionali, anche attraverso un maggiore sostegno economico e la formazione del personale sanitario.  Molti I punti importanti: Garantire a tutti i migranti il diritto alla salute ed evitare di stigmatizzarli in base a pregiudizi secondo i quali le popolazioni migranti rappresenterebbero una minaccia per la salute pubblica .  Rafforzare la cooperazione e la solidarietà internazionali sugli aspetti di sanità pubblica della crisi, con il sostegno della Commissione Europea, degli Uffici Regionali dell'Oms e con il coordinamento delle Nazioni Unite, coinvolgendo anche la società civile; Migliorare la raccolta e la condivisione di informazioni attraverso strumenti esistenti (Regolamento Sanitario Internazionale, Early Warning Response System) così come la ricerca, l'analisi e la formazione sugli impatti delle migrazioni sulla salute.
Guarda il programma del convegno