"Today Tomorrow To Nino": il crowdfunding si è concluso, grazie!

la cifra raccolta col crowdfunding permetterà di sostenere 9 Nino, alternando sostegno economico al tutoraggio pedagogico

09/04/2019 di Redazione

"Today Tomorrow To Nino": il crowdfunding si è concluso, grazie!

Grazie alla campagna di crowdfunding lanciata su Produzioni dal basso a dicembre e conclusa a fine febbraio, abbiamo raccolto 3.000 euro da utilizzare per ulteriori borse di studio. La Commissione del progetto "Today, Tomorrow, To Nino" si è riunita per valutare le segnalazioni ricevute da scuole, privati cittadini e associazioni, e ha stabilito quali di queste prendere in carico. I beneficiari saranno più dei 6 previsti in base alla cifra raccolta, dal momento che abbiamo deciso di ottimizzare le risorse per le borse di studio (500 l'una), alternando il sostegno economico al tutoraggio pedagogico. I progetti individuali in alcuni casi diventeranno "familiari", perché la presa in carico riguarderà il nucleo complessivo. Parliamo in particolare di:

- una coppia di fratelli, originari del Mali e arrivati in Italia senza i genitori. Il fratello più piccolo, MSNA (minore straniero non accompagnato) di 16 anni, è il soggetto più fragile: vive in una casa famiglia ed è stato affidato ad una tutrice volontaria, la quale ci ha segnalato il caso. Lo seguiremo nell'apprendimento della lingua italiana e nell'ottenimento di un titolo di studio precedenti. Il fratello maggiore, invece,sarà supportato nell'iscrizione ad un corso di formazione professionale, utile per il suo inserimento lavorativo.

- due fratelli del Bangladesh, arrivati da poco a seguito di un ricongiungimento familiare, che dovranno essere supportati per l'apprendimento della lingua italiana, indispensabile per i percorsi scolastici o formativi che vorranno intraprendere. Al più piccolo piace cucinare mentre il più grande sogna di fare il meccanico.

- una situazione simile a questa è quella di un ragazzo bengalese di 14 anni, anche lui neo arrivato, iscritto in una scuola media di Roma grazie alla mediazione di un'associazione del territorio, che ce lo ha segnalato. Sarà supportato anche lui nell'apprendimento della lingua e nello studio delle materie curricolari.

- una ragazza italiana di 26 anni, che ha deciso di ritornare a scuola e prendere il diploma superiore. Con molta fatica, dopo aver lavorato 1 anno per pagarsi gli studi, si è iscritta ad un centro di recupero che, a fronte di rette molto alte, non le sta fornendo il supporto sufficiente per prepararla ad affrontare l'esame di maturità presso una scuola pubblica.

- infine, una giovane ragazza rom, che con grande motivazione ha ottenuto la licenza media e ha espresso il desiderio di proseguire gli studi. Va sostenuta nel percorso di inserimento scolastico e sociale, per non perdere i risultati ottenuti a seguito del trasferimento della famiglia dal campo ad una casa popolare.

A tutti saranno garantiti interventi per incrementare le relazioni tra pari e partecipare ad attività ludico-ricreative con i loro coetanei