Centro polifunzionale di Roma Esquilino 2020. Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

14/01/2021 di Redazione

Centro polifunzionale di Roma Esquilino 2020. Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Area di intervento: Tutela dei diritti e advocacy, Scuole popolari per l'Inte(g)razione linguistica 

Periodo: Gennaio 2017 - in corso 

Territorio d'intervento: Area metropolitana di Roma 

Finanziatore: Otto per Mille Chiesa Evangelica Valdese 

Partner: Il progetto si avvale della collaborazione di decine di soggetti pubblici, privati o del Terzo Settore con i quali è attiva una collaborazione, in alcuni casi formalizzata da un apposito protocollo. 

Descrizione progetto

Contesto:La città metropolitana di Roma si configura come un contesto urbano complesso e caratterizzato da forti disuguaglianze e alti livelli di esclusione sociale, che colpiscono in particolare i soggetti più vulnerabili: stranieri, anziani, famiglie numerose, senza fissa dimora. L'ultima ricerca sulle povertà estreme di Istat è del 2015 e conferma che a Roma si concentra oltre il 15% dei senzatetto di tutto il Paese. Per l'esperienza sul territorio dell'associazione, si tratta di un dato sottostimato e comunque cresciuto negli ultimi anni come conseguenza della crisi economica. Tra le persone socialmente ed economicamente vulnerabili, ci sono anche i migranti. Si tratta spesso di persone di recente arrivo e completamente prive sia di mezzi di sussistenza che di informazioni su quali siano i servizi e le procedure per accedervi, nonché prive delle competenze linguistiche di base necessarie per avviare un percorso di inclusione sociale e lavorativa. Storicamente una parte consistente dei senza fissa dimora e dei migranti gravita nell'area centrale della città, con una particolare concentrazione intorno alla stazione Termini e a Piazza Vittorio. Il fenomeno della povertà estrema causa anche conseguenze negative a livello di coesione territoriale, provocando stati di degrado che possono creare esasperazione e conflittualità tra i cittadini, alimentando pregiudizi e discriminazioni.

 Obiettivi: obiettivo del progetto è promuovere la fuoriuscita da una condizione di emarginazione sociale di persone senza fissa dimora e migranti, favorendo l'accesso ai diritti e la riconquista di autonomia e dignità.

Attività

  1. Orientamento, mediazione sociale e culturale, accompagnamento ai servizi. Con tale attività si offre alle persone vulnerabili accoglienza ed ascolto, informandole sui diritti fondamentali e sui servizi territoriali disponibili, promuovendo il loro effettivo accesso a tali diritti e servizi;
  2. Servizio postale per persone senza fissa dimora. Grazie ad una convenzione stipulata in passato con Roma Capitale, Casa dei Diritti Sociali ha offerto alle persone senza dimora la possibilità di ottenere una residenza presso il Centro, e pertanto la possibilità di ricevere la posta;
  3. Servizi diurni per persone senza dimora quali distribuzione di coperte, sacchi a pelo, vestiti e biancheria; acquisto di cibo, beni di prima necessità e farmaci; contatti con circuiti di assistenza per l'inserimento in accoglienza notturna;
  4. Corsi di lingua italiana per migranti di livello A0, A1, A2, tenuti da un gruppo di oltre 40 insegnanti volontari. La principale caratteristica della scuola è la flessibilità della frequenza, per andare incontro ai migranti che abbiano occupazioni lavorative e contesti di vita precari. I programmi didattici sono divisi in moduli che possono essere seguiti anche in momenti diversi;
  5. Consulenze legali, sanitarie, psicologiche. Grazie ad un gruppo di avvocati, medici e psicologi volontari, sono disponibili servizi di assistenza legale, psicologica e supporto nell'accesso ai servizi sanitari;
  6. Percorsi di accompagnamento per persone con disagio psichiatrico. Il progetto si fa carico in maniera specifica di assicurare un accompagnamento continuo e personalizzato a persone con disagio psichiatrico in stato di abbandono e che necessitano di percorsi di tutoraggio continuativo e strutturato.

foto1

foto2

foto3

Relazione valdesi (pdf)

Seconda relazione valdesi (pdf)

logo