1ª Festa Nazionale della Decrescita Felice

11/05/2017 di Redazione
1ª Festa Nazionale della Decrescita Felice

Il Movimento per la Decrescita Felice e il Movimento per la Decrescita Felice Roma, in collaborazione con la Città dell'Altra Economia - CAE e con il Patrocinio di Roma Capitale sono entusiasti di annunciare:

1ª FESTA NAZIONALE DELLA DECRESCITA FELICE
Sabato 13 maggio e domenica 14 maggio 2017
A #Roma presso la Città dell'Altra Economia - CAE
largo Dino Frisullo (Metro B Piramide)
ingresso libero

50 eventi gratuiti in due giorni: convegni, incontri, proiezioni film e documentari, laboratori pratici di autoproduzione, workshop, mercato contadino e artigianale, spettacoli circensi, danze e musiche, concerti, arte, letture, yoga, benessere e area olistica, attività per bambini e tanto altro con i Circoli del Movimento per la Decrescita Felice di tutta Italia per festeggiare i primi 10 anni della Decrescita Felice.

Un evento coordinato dal circolo di Roma MDF.
Media Partners: Radio Cusano Campus GreenMe Italia Che Cambia

INGRESSO LIBERO, GRATUITO E APERTO A TUTTI!

MDF è infine orgogliosa di annunciare il suo nuovo modello di bilancio di sostenibilità. Anche questa festa utilizzerà energia e materia che la Terra ci mette a disposizione e MDF si pone l'obiettivo di misurare l'impatto dell'evento (CO2 emessa, rifiuti creati, acqua utilizzata...) al fine di renderlo il più possibile sostenibile, compensando le emissioni di CO2 piantando vegetazione. Ma la festa non è solo emissioni: monitoreremo le proposte che avremo pubblicizzato, le persone che hanno partecipato, le relazioni che saranno strette e il denaro speso anche per i mesi successivi all'evento. Alla fine sarà reso pubblico il Bilancio di sostenibilità della festa, che ci aiuterà a capire quanti cambiamenti nel senso della Decrescita felice avranno comportato le energie profuse per l'evento.

Di seguito il link all'evento fb in cui è possibile vedere il programma https://www.facebook.com/events/275649516212205/

"La decrescita è elogio dell'ozio, della lentezza e della durata; rispetto del passato; consapevolezza che non c'è progresso senza conservazione; indifferenza alle mode e all'effimero; attingere al sapere della tradizione; non identificare il nuovo col meglio, il vecchio col sorpassato, il progresso con una sequenza di cesure, la conservazione con la chiusura mentale; non chiamare consumatori gli acquirenti, perché lo scopo dell'acquistare non è il consumo ma l'uso; distinguere la qualità dalla quantità; desiderare la gioia e non il divertimento; valorizzare la dimensione spirituale e affettiva; collaborare invece di competere; sostituire il fare finalizzato a fare sempre di più con un fare bene finalizzato alla contemplazione. La decrescita è la possibilità di realizzare un nuovo Rinascimento, che liberi le persone dal ruolo di strumenti della crescita economica e ri-collochi l'economia nel suo ruolo di gestione della casa comune a tutte le specie viventi in modo che tutti i suoi inquilini possano viverci al meglio".

Maurizio Pallante, fondatore del Movimento per la Decrescita Felice
www.decrescitafelice.it
info@decrescitafelice.it