Scacchi per l’intercultura e l’inte(g)razione sociale

01/06/2017 di Redazione
Scacchi per l’intercultura e l’inte(g)razione sociale

Domenica 28 maggio, nei Giardini Calipari di Piazza Vittorio, si è svolta la decima edizione del Torneo di Scacchi "La Mossa del Cavallo". Una tradizione che vede come protagonisti /concorrenti le studentesse e gli studenti della scuola di italiano della Focus-Casa dei  Diritti Sociali.
Da sempre, a corredo delle pratiche didattiche della scuola, si promuovono iniziative interculturali che riscuotono successo: il gioco degli scacchi è tra queste e ogni volta il gruppo degli insegnanti volontari dedica all'evento impegno ed energie per la sua riuscita.
Il Torneo  è stato patrocinato dalla Presidenza del  I° Municipio Roma Centro e dal Sindacato Pensionati SPI-CGIL, che ha anche offerto i premi ai vincitori. Fondamentale il sostegno dell'UISP-Scacchi di Roma, che oltre a curare e condurre le regole del torneo, ha messo a disposizione scacchiere e orologi di gara. Ma anche i Centri Servizi del volontariato del Lazio, come sempre hanno fatto la loro parte.
In tutto 28 concorrenti, articolati tra studenti e scacchisti dell'UISP, divisi in quattro squadre con scontri a girone e punteggi. Ci sono stati premi per tutti: non solo per i vincitori, ma anche per  i singoli partecipanti.
Nel  quadro del decennale, è stata allestita una mostra fotografica delle passate edizioni, e si è esibito, in finale di torneo e subito prima della premiazione, il Coro della Sgarbatella, con brani della tradizione popolare di varie regioni d'Italia.
Presente, nelle fasi  finali e alla premiazione, l'Assessore alle politiche Sociali  Emiliano Monteverde, che ha portato il saluto della Presidente Sabrina Alfonsi  e dell'amministrazione del  I° Municipio.
Al termine è stato servito un rinfresco offerto dalle volontarie e i volontari della scuola di italiano.
Il clima è stato quello di una festa, il pubblico dei Giardini ha assistito curioso, la giornata è stata bella e luminosa ma il gioco si è svolto all'ombra dei platani; tutti si sono divertiti.