Pre-loader

Inclusione dei bambini rom, sinti e caminanti

Programma Operativo Nazione (PON) « Inclusione » – FSE 2014-2020

 

Proposte di intervento per l’inclusione e l’integrazione dei bambini rom, sinti e caminanti. Seconda triennalità 2021-2023

Area di intervento: Educazione interculturale e contrasto alla povertà educativa

Periodo: Aprile 2021 – Settembre 2023

Territorio d’intervento: Comune di Roma

Finanziatore: ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici – Direzione Servizi di Supporto al Sistema Educativo e Scolastico

Partner: Arci Solidarietà Onlus (capofila), Ermes Cooperativa Sociale Onlus.

Destinatari: I minori rom, sinti e caminanti (RSC) dai 6 ai 14 anni presenti nelle scuole e nelle classi target e le rispettive famiglie. Saranno raggiunti dalle azioni progettuali gli interi gruppi classe coinvolti, i Dirigenti Scolastici, i docenti e il personale ATA delle scuole

destinatarie.

Descrizione del progetto

Contesto: Quando si parla di Diritti del Fanciullo in relazione alla scuola, si fa specifico riferimento alla libertà di fruizione dei servizi scolastici, in termini di diritto a ricevere un’adeguata istruzione e a raggiungere ed “utilizzare” quel servizio. Le comunità rom, sinti e caminanti risultano particolarmente vulnerabili ai fenomeni di ripiegamento sociale, cui si assiste soprattutto in periodi in cui è forte la percezione della crisi e della perdita della coesione territoriale: il risultato evidente è la loro esclusione aprioristica dal diritto di partecipazione ai processi decisionali. In tal senso è necessario fornire ai minori RSC sia i mezzi fisici per l’accesso al servizio scolastico, che gli strumenti relazionali, sociali, negoziali per muoversi liberamente in un ambiente spesso molto diverso dal proprio contesto abitativo e sociale. Occorre agire efficacemente affinché siano le persone rom, sinte e caminanti a percorrere autonomamente il proprio tragitto verso l’inclusione sociale, sostenendole nell’acquisizione di una serie di strumenti utili ad affrontare questa sfida, resa più difficile dall’inasprimento degli atteggiamenti di diffidenza culturale e, in certi casi, di xenofobia.

Obiettivi: obiettivo generale del progetto PON «Inclusione» è favorire l’inclusione scolastica e interculturale dei minori RSC, chiamando in causa la comunità educante e gli stessi studenti non rom. Inoltre, lo scopo è quello di rafforzare il livello di autonomia delle comunità RSC nella fruizione dei servizi educativi e territoriali. L’ottica dell’intervento è trasformativa e punta a ridurre le distanze tra scuola, famiglie, enti e organizzazioni, come indicato nelle Linee Guida del PON 2021- 2023.

Attività:

1) Rafforzamento della rete locale: sensibilizzazione della rete e del sistema dei servizi su specifici bisogni dei bambini RSC e delle loro famiglie.

2) Interventi di sostegno all’inclusione scolastica:

– Supporto didattico e doposcuola: rafforzamento della lingua italiana e supporto allo studio.

– Realizzazione di percorsi laboratoriali nelle scuole e supporto all’utilizzo della metodologia dell’apprendimento cooperativo;

– Interventi di empowerment delle famiglie RSC: attività di mediazione, orientamento e supporto nell’accesso ai servizi territoriali.

– Azioni trasversali: partecipazione alle attività di valutazione e monitoraggio coordinate a livello nazionale attraverso la raccolta dei dati e condivisione degli esiti.

3) Attività integrative:

– Organizzazione di eventi (convegni, seminari ecc.) di restituzione delle attività e degli interventi svolti nell’ambito del progetto;

– Accompagnamento a ragazze e ragazzi diplomatisi alla scuola secondaria di I grado in percorsi scolastici superiori o di formazione professionale;

– Attività di pre-scolarizzazione rivolte a bambine e bambini dai tre ai cinque anni;

– Organizzazione di spazi di partecipazione e di cittadinanza attiva, con il coinvolgimento di bambini, ragazzi e famiglie RSC.

Inclusione dei bambini rom, sinti e caminanti

La casa dei diritti è anche casa tua

sostienici