Dispersione scolastica: un fenomeno in preoccupante crescita

Il sito "Tuttoscuola" ha pubblicato un dossier dal titolo "Dispersione nella scuola secondaria superiore statale". Il fenomeno è stato analizzato nel suo andamento durante gli ultimi 15 anni. 

 In questo periodo circa 3 milioni di ragazzi iscritti alle scuole secondarie di secondo grado (il 31,9% del totale degli iscritti) non hanno portato a termine il percorso di studi.

Unicef: per 30 milioni di bambini non inizierà la scuola

Unicef lancia l'allarme: quest'anno a settembre sono 30 milioni i bambini nel mondo che non potranno iniziare l'anno scolastico a causa dei conflitti e delle crisi umanitarie che affliggono i loro Paesi. 

Dall'Ucraina a Gaza, dove la gran parte delle strutture scolastiche sono state attaccate e rase al suolo insieme alle abitazioni delle famiglie, condizione che ha costretto i bambini ad abbandonare le proprie case e i propri studi.

Ocse: presentato nuovo report sulla scuola italiana

Martedì 9 settembre è stato presentato il nuovo Rapporto Ocse sull'attuale situazione della scuola italiana. Ad emergere sono la mancanza di investimenti e il calo di interesse dei giovanissimi nei confronti del percorso scolastico.

Dai dati emerge una situazione drammatica: gli studenti sono scoraggiati dal fatto che la laurea non sia più una garanzia per trovare lavoro, "non serve a trovare lavoro quindi non studio" è diventata un'equazione comune e al tempo stesso drammatica.

Verso la Giornata Europea delle Lingue

Il Consiglio d'Europa, con il patrocinio dell'Unione europea, ha proclamato il 26 settembre Giornata europea delle lingue, con l'obiettivo di incoraggiare l'apprendimento delle lingue nel vecchio continente.

Tra gli obiettivi generali della Giornata europea delle lingue ci sono: la sensibilizzazione sull'importanza dell'apprendimento delle lingue per migliorare il plurilinguismo e la comprensione interculturale, la promozione della diversità linguistica dell'Europa, e l'incoraggiamento a uno studio delle lingue esteso a tutta la vita.

Siamo a Piazza Vittorio

Dal Primo febbraio la nostra sede di via dei Mille 36 è a Piazza Vittorio al civico 2. 

Ricordiamo che i nostri recapiti sono gli stessi, i numeri di telefono: 06.4464613 06.4464742 ad esclusione del nostro numero di fax che è cambiato 06.4465397  e la nostra mail net@dirittisociali.org

Anno 7 dell'11 settembre 2014

In questo numero:
-MIUR: istituito l'"Osservatorio nazionale per l'integrazione degli alunni stranieri e per l'intercultura"
-Frontex Plus, smentita l'ipotesi di sostituzione a Mare Nostrum
-Nasce una banca dati delle OdV per l'Africa
-Frosinone: fiaccolata in difesa della sanità pubblica e territoriale 

entra
Servizio Civile Nazionale
Il 5 per mille a Focus - Casa dei Diritti Sociali

Per destinare il 5 per mille a Focus-Casa dei Diritti Sociali e, come noto, senza aggravio fiscale per il contribuente, è sufficiente apporre la propria firma nel riquadro indicante il "Sostegno del volontariato" che figura nei modelli CUD, 730 e Unico ed inserire il Codice Fiscale di Focus-Casa dei Diritti Sociali - C.F. 03661341002