In questa giornata un appello all'Italia civile

Nella Giornata mondiale dei migranti un appello all'Italia civile: sia riconosciuto il diritto di voto a tutte le persone che vivono in Italia.

Il fondamento della democrazia e' il principio "una persona, un voto"; l'Italia essendo una repubblica democratica non puo' continuare a negare il primo diritto democratico a milioni di persone che vivono stabilmente qui.

“Pericolosamente sproporzionato”: rapporto Amnesty denuncia la deriva autoritaria in corso in Europa

In un rapporto frutto di un'indagine di due anni condotta in 14 paesi europei, Amnesty denuncia quanto l'Europa di oggi si caratterizzi da una deriva autoritaria sempre più generalizzata. 

"Nuove leggi a carattere indiscriminato stanno trascinando l'Europa verso un profondo e pericoloso stato di permanente emergenza securitaria". 

L’occupazione della vergogna. Dove i rifugiati vivono come animali

Mura pericolanti, tetti ammuffiti, niente luce e riscaldamento, niente acqua calda, materassi ammassati in stanze fatiscenti, secchi per lavarsi e per lavare i vestiti. Così vivono 50 somali nell'occupazione di via Luca Giordano a Firenze. (da Redattore Sociale)

L'occupazione è stata portata avanti dal Movimento di lotta per la casa per dare un tetto ai tanti somali che, scaduti i termini per l'accoglienza nelle strutture, si sono ritrovati per strada. I somali cercano di trovare lavoro, ma per loro è una sfida quasi impossibile. "Facciamo domanda nei bar, nei ristoranti, nei centri per l'impiego, così potremmo essere autonomi e trovare una casa in affitto. Ma nessuno ci prende"

Lavoro gratuito in cambio del diritto d’asilo: migranti e studenti i nuovi tasselli della precarietà

Non saranno solo gli studenti a dover lavorare gratis per ottenere un tanto agognato pezzo di carta, ma anche i richiedenti asilo. Questa la principale novità del pacchetto di    nuove misure in materia di immigrazione che sarà illustrato mercoledì al Parlamento dal ministro dell'Interno Marco Minniti.

Come sottolineato dalla sociologa e giurista Iside Gjergji sul suo blog sul Fatto Quotidiano, "l'obbligo del lavoro gratuito, non solo presso gli enti locali pubblici, ma anche presso varie aziende private, come prerequisito per vedersi riconosciuto lo status di rifugiato, è una di quelle novità che segnano una svolta epocale".

Regali bio e solidali 2016: FOCUS-Casa dei Diritti Sociali promuove la shopper con prodotti artigianali di Amatrice

La proposta di regalo alimentare di FOCUS - Casa dei Diritti Sociali per Natale 2016 nasce dalla scelta di manifestare in modo concreto la nostra solidarietà alle persone e ai territori che, a partire dal 24 agosto, hanno subito lutti e distruzioni delle loro case, aziende e bor­ghi a seguito delle scosse sismiche

 La nostra selezione di prodotti biologici comprende leccornie di altissima qualità, provenienti dalle zone di Amatrice. Il regalo è confezionato all'interno della shopper in cotone con il logo di FOCUS - Casa dei Diritti Sociali

Siamo a Piazza Vittorio

Dal Primo febbraio la nostra sede di via dei Mille 36 è a Piazza Vittorio al civico 2. 

Ricordiamo che i nostri recapiti sono gli stessi, i numeri di telefono: 06.4464613 06.4464742 ad esclusione del nostro numero di fax che è cambiato 06.4465397  e la nostra mail net@dirittisociali.org

Anno 10 del 19 gennaio 2017

In questo numero troverete
"Ribelle e mai domata" Storie e canti di una famiglia antifascista romana - 22 gennaio
- 8 miliardari possiedono quanto 3,6 mld di persone
I lavoratori dei canili municipali non si arrendono

entra
Servizio Civile Nazionale
Il 5 per mille a Focus - Casa dei Diritti Sociali

Per destinare il 5 per mille a Focus-Casa dei Diritti Sociali e, come noto, senza aggravio fiscale per il contribuente, è sufficiente apporre la propria firma nel riquadro indicante il "Sostegno del volontariato" che figura nei modelli CUD, 730 e Unico ed inserire il Codice Fiscale di Focus-Casa dei Diritti Sociali - C.F. 03661341002